articoli

Microaneurismi e edema maculare diabetico

Il turnover dei microaneurismi nelle fasi iniziali della retinopatia diabetica (RD), in base ai dati di un recente studio prospettico, può costituire un importante indicatore di quanto progredirà la malattia.

Ogni occhio all’esordio della Retinopatia Diabetica (RD), in base al proprio specifico fenotipo, presenta un diverso coefficiente di rischio di sviluppare un edema maculare centrale clinicamente significativo e il turnover dei microaneurismi può avere un significato predittivo superiore rispetto alla loro semplice conta.
I marker sistemici del diabete, quali l’iperglicemia o l’emoglobina glicosilata, non risultano utili al fine di identificare quali casi di retinopatia diabetica hanno maggiori probabilità di progressione. Inoltre in condizioni molto simili di controllo metabolico alcuni pazienti progrediscono verso l’edema maculare diabetico, mentre altri rimangono affetti solo da retinopatia.
Uno studio, prospettico e multicentrico, pubblicato sul British Journal of Ophthalmology, sui microaneurismi retinici ha reclutato 205 pazienti con diabete di tipo 2, di età superiore ai 35 anni, nei centri clinici di Coimbra (Portogallo) e di Hyderabad (India). I pazienti presentavano forme lievi di retinopatia diabetica non proliferativa, da livello 20 a 35 della scala ETDRS (Early Treatment of Diabetic Retinopathy Study). Nella maggior parte dei pazienti la BCVA (Best-Corrected Visual Acuity) era superiore a 20/25 sulle tavole ETDRS e l’emoglobina glicata (HbA1c) era all’11%. Gli altri criteri di inclusione prevedevano che i pazienti non fossero stati sottoposti in precedenza a trattamento laser, iniezioni intravitreali con farmaci anti-VEGF o steroidi; l’assenza di vasculopatie retiniche, glaucoma o inadeguata dilatazione pupillare.

Fig. 1. Numero di aneurismi presenti in una visita di follow-up. Nell’immagine vengono identificati gli aneurismi di nuova formazione (NEW), quelli pre-esistenti (OLD) oppure quelli che sono scomparsi (DISAPPEARED).

La presenza dei microaneurismi è stata rilevata dai ricercatori col sistema automatizzato Retmarker DR che può esaminare due immagini a colori del fundus e include un algoritmo che mette a confronto la stessa porzione di retina nelle diverse visite. Con questo sistema i ricercatori sono riusciti a calcolare il numero di microaneurismi che si sviluppano o spariscono in ogni paziente nel corrispondente intervallo temporale.
Il gruppo di pazienti con il tasso più elevato di turnover dei microaneurismi, con o senza incremento dello spessore retinico, presentava il rischio più elevato di sviluppare un edema maculare centrale clinicamente significativo.

 

Fonte
Pappuru RKR, Ribeiro L, Lobo C, et al. Microaneurysm turnover is a predictor of diabetic retinopathy progression. Br J Ophthalmol. 2018 Apr 26. pii: bjophthalmol-2018-311887. doi: 10.1136/bjophthalmol-2018-311887

 

Condividi
Valuta
Pubblicato il
venerdì, 16 novembre 2018
Argomento
Retina