Gli occhi dopo il Covid-19

L’infezione da Sars-Cov-2 determina, come dimostrano sia i dati che l’esperienza empirica, sintomi differenti nelle persone che entrano in contatto col virus. L’infezione può, infatti, avere un decorso clinico blando, con febbre, tosse secca, spossatezza, oppure può progredire verso una patologia grave, che interessa principalmente l’apparato respiratorio, ma può anche essere caratterizzata da neurotrofismo, trofismo endoteliale e causare una reazione infiammatoria sistemica, nota come “tempesta di citochine”. In questi pazienti si può avere la formazione di trombi, che possono spostarsi attraverso il circolo sanguigno e raggiungere le vene, le arterie e i capillari oculari.

L’occhio rosso rimane, comunque, il segno oculare più frequente del Covid-19, sia negli adulti che nei bambini, ma sul piano medico-scientifico si deve ancora comprendere pienamente come e perché l’infezione possa colpire e danneggiare l’apparato oculare ed in particolare la retina.

Sono quattro le tipologie di danno retinico finora individuate e che possono essere causa di problemi visivi seri.

  1. Macchie a “lana di cotone”
    Quando i trombi di sangue impediscono ai nutrienti di raggiungere la retina, il tessuto retinico comincia a gonfiarsi e, in seguito, va in atrofia e muore. All’OTC quest’area si presenta bianca e soffice come lana di cotone. Queste neoformazioni, tuttavia, non inficiano la vista.
  1. “Eye stroke” o occlusione arteriosa retinica
    I grumi di sangue possono impedire il flusso di ossigeno, causando la morte delle cellule: l’eye stroke o occlusione arteriosa retinica. Il sintomo più comune è l’improvvisa perdita della vista, non accompagnata da dolore.
  1. Occlusione venosa retinica
    Quando una vena retinica si blocca, il sangue non può defluire, la pressione sanguigna nell’occhio aumenta, causando gonfiore, sanguinamento e perdita di liquido. Le persone con questa complicanza possono sviluppare visione offuscata e, nei casi più gravi, cecità improvvisa e permanente.
  1. Emorragia retinica
    Si verifica quando i vasi sanguigni della retina cominciano a sanguinare, come avviene nel caso di un’occlusione venosa retinica. Un’emorragia può portare a blind spot (“buchi” nel campo visivo) e perdita improvvisa della vista.

Nel complesso poche persone sviluppano serie complicanze oculari da Covid-19 e si tratta in genere di persone che presentano fattori di rischio, quali il diabete, l’ipertensione, anomalie circolatorie o altre patologie che colpiscono i vasi sanguigni.

I problemi oculari tendono a manifestarsi tra la prima e la sesta settimana dall’insorgenza dei sintomi di Covid-19. Colpiscono sia persone che sono state malate gravemente per l’infezione da Sars-Cov-2 che persone in apparenza sane e prive di sintomi.

Lo studio in questione ha preso in esame una casistica alquanto limitata (121 pazienti), per cui è comunque necessario approfondire ed ampliare la ricerca sulle problematiche oculari che possono derivare dal Covid-19.

Fonte
Sagnik Sen, Naresh Babu Kannan, Jayant Kumar, et al. Retinal manifestations in patients with SARS-CoV-2 infection and pathogenetic implications: a systematic review. Int Ophthalmol. 2022; 42(1): 323–336.

Dr. Carmelo Chines
Direttore responsabile