articoli

Retinopatia diabetica, deficit visivo e funzionalità renale nei pazienti affetti da diabete di tipo 2

La retinopatia diabetica (RD)  è una patologia oculare che può colpire sia i soggetti affetti da diabete mellito di tipo 1 (DMT1) sia quelli affetti dal tipo 2 (DMT2).

Molti studi hanno messo in evidenza una stretta correlazione, soprattutto nei soggetti con DMT1, tra una scarsa filtrazione glomerulare, che poi è tra le cause di insorgenza della nefropatia diabetica, e la retinopatia diabetica. L’associazione tra queste tre diverse condizioni patologiche – nefropatia, retinopatia e DMT1 – è sempre apparsa meno rilevante tra i soggetti con DMT2, sino alla pubblicazione di un recente studio. L’analisi dei dati condotta su un’ampia popolazione asiatica ha, infatti, dimostrato una significativa correlazione tra il tasso di filtrazione glomerulare e i diversi stadi di gravità di RD. In particolare, più la funzionalità renale risulta compressa, maggiore è la severità della RD rilevata nel soggetto affetto da DMT2.

Perché la funzionalità renale è correlata alla retinopatia diabetica?

Secondo l’opinione degli Esperti, l’associazione tra le due condizioni patologiche nasce dalle analogie nella loro patogenesi. La nefropatia diabetica e la retinopatia diabetica, infatti, sono delle patologie microvascolari che condividono non solo i meccanismi molecolari patogenetici, ma anche alcuni fattori di rischio alla base della loro insorgenza tra cui DMT2, età, fumo, ipertensione, dislipidemia e obesità.

L’iperglicemia provoca alterazioni strutturali e funzionali tanto nei reni quanto nella retina. Livelli alti di glucosio ematico, infatti, possono provocare l’ispessimento delle pareti del glomerulo (la porzione del rene deputata alla filtrazione del sangue), l’ostruzione capillare o la morte di alcune linee cellulari altamente differenziate del nefrone. Alterazioni queste che si riflettono in un declino della funzionalità renale. A livello retinico, invece, l’iperglicemia provoca la morte delle cellule gliali, costituenti del tessuto nervoso oculare, con conseguente grave compromissione della vista del soggetto.

 

Inoltre, i pazienti affetti da malattia renale cronica presentavano un maggiore rischio di gravi deficit visivi rispetto a pazienti con normale funzionalità renale. Secondo questi Autori, quindi, il tasso di filtrazione glomerulare potrebbe essere un marcatore clinico importante anche per la retinopatia diabetica. Inoltre, l’esistenza di questa correlazione confermerebbe, nei pazienti affetti da DMT2, l’importanza di un regolare monitoraggio sia della velocità di filtrazione glomerulare sia della funzionalità visiva.

 

Fonte:

Wisit Kaewput et al. Associations of renal function with diabetic retinopathy and visual impairment in type 2 diabetes: A multicenter nationwide cross sectional study. World J Nephrol 2019, 21; 8(2): 33-43.

 

Condividi
Valuta
Pubblicato il
venerdì, 29 Marzo 2019
Argomento
Retina